A chi spetta il bonus? Ecco i requisiti per acquistare la tua prima casa a Nonantola

Richiedi ulteriori informazioni allo Studio Nonantola Immobiliare allo 059 544007

case nonantolaOggi l’acquisto di una abitazione in Italia, nonostante la crisi economica che stringe, un po’ per tutti, la cinghia della borsa, è ancora una delle principali forme di investimento. L’italiano medio preferisce investire nel mattone ma, la maggior parte delle volte, si imbarca in una situazione più grande di quello che immaginava, rischiando di cadere in errori che poi si riversano sull’intero investimento.

Molti sono coloro che, alla ricerca di una abitazione, ad esempio, non conoscono tutto quello che riguarda il Bonus prima casa 2018. Proprio per questo lo Studio Nonantola Immobiliare, leader nella vendita di case a Nonantola, ha preparato per voi una mini guida informativa. Contattaci allo 059 544007 o al 320 3675292 per avere maggiori informazioni a riguardo!

A chi spetta il bonus prima casa 2018?

Per accedere alle agevolazioni collegate all’acquisto della prima casa, ci sono determinati requisiti dei quali bisogna essere in possesso.

Vediamo quindi quali sono i requisiti bonus prima casa 2018:

Per fruire delle agevolazioni acquisto prima casa, l’immobile non deve rientrare nelle categorie catastali: A1, A8 e A9. Le sole categorie che beneficiano delle agevolazioni prima casa sono:

  • A/2 (abitazioni di tipo civile);
  • A/3 (abitazioni di tipo economico);
  • A/4 (abitazioni di tipo popolare);
  • A/5 (abitazioni di tipo ultra popolare);
  • A/6 (abitazioni di tipo rurale);
  • A/7 (abitazioni in villini);
  • A/11 (abitazioni ed alloggi tipici dei luoghi).

Per fruire delle agevolazioni prima casa l’immobile deve trovarsi nello stesso Comune in cui il beneficiario delle agevolazioni stabilisce la residenza entro 18 mesi dall’acquisto. La volontà a trasferire la residenza entro il tempo previsto, deve essere, pertanto, dichiarata formalmente da chi acquista, pena la decadenza dei benefici, nell’atto di acquisto dell’immobile.

Le agevolazioni prima casa spettano anche se:

  • l’immobile si trova in un altro Comune, dove però l’acquirente, svolge una qualche attività, remunerativa, di studio o volontariato;
  • l’acquirente è stato trasferito all’estero per ragioni di lavoro nel Comune in cui ha sede o l’attività o l’azienda per cui lavora;
  • l’acquirente è un cittadino italiano che si è trasferito all’estero. La condizione di emigrato può essere dimostrata tramite il certificato di iscrizione all’AIRE.

Inoltre, per beneficiare e richiedere le agevolazioni prima casa, l’acquirente deve dichiarare nell’atto di acquisto:

  • come sottolineato dalla Legge di Stabilità 2016, di non essere titolare di altra tipologia di casa se non una vecchia casa acquistata con le agevolazioni.
  • che il vecchio immobile agevolato, sia alienato entro un anno dalla data dell’atto.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: