Cosa è importante sapere quando ci si confronta con le case in vendita?

A Nonantola, presso lo Studio Nonantola Immobiliare ulteriori informazioni a riguardo

case in vendita nonantolaIn Italia l’acquisto di un’abitazione è ancora oggi una delle principali forme di investimento. Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista “Gli immobili in Italia” del 2015, sono quasi 8 famiglia su 10 quelle che risultano proprietarie della casa nella quale vivono, forti anche della normativa fiscale positiva, che prevede numerose e importanti agevolazioni per l’acquisto di un’abitazione.

Ma cosa è importante sapere prima di immergersi nel mondo delle case in vendita? A Nonantola lo Studio Nonantola Immobiliare è pronto a rispondere ad ogni tua richiesta, allo 059 544007 o al 320 3675292 oppure direttamente in sede, in Piazza Abbazia 2.

Quando si decide di comprare casa, è molto importante ottenere il più ampio numero di informazioni possibili sull’immobile e sul proprietario, comprendere cosa accade quando si decide di stipulare un contratto preliminare, il famoso compromesso.

Richiedi una verifica dei dati catastali e ipotecari

Le verifiche sulla situazione catastale e ipotecaria vengono preliminarmente effettuate ad hoc dal notaio che redige l’atto di compravendita. Nonostante questo, però, l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione dei cittadini strumenti pratici per conoscere la situazione dell’immobile che si vuole acquistare.

Perché si richiede il contratto preliminare?

Meglio conosciuto come compromesso, il contratto preliminare è un accordo tra venditore e compratore, i quali si impegnano a stipulare un successivo e definitivo contratto di compravendita, tramite la firma del quale si avrà il reale trasferimento del diritto di proprietà sull’immobile.

Il contratto preliminare o compromesso deve essere redatto in forma scritta: scrittura privata, scrittura privata autenticata o atto pubblico. Questo deve essere registrato entro 20 giorni dalla sottoscrizione e, se stipulato con atto notarile, è il notaio che vi provvede entro 30 giorni.

Quanto si paga per la registrazione?

  • imposta di registro 200 euro, indipendentemente dal prezzo della compravendita
  • imposta di bollo, 16 euro ogni 4 facciate, comunque ogni 100 righe. Se il contratto è formato per atto pubblico o per scrittura privata autenticata l’imposta di bollo è invece di 155 euro

Quando il preliminare prevede un pagamento, è dovuta anche l’imposta di registro proporzionale pari allo 0,50% delle somme previste a titolo di caparra confirmatoria, e al 3% delle somme previste a titolo di acconto sul prezzo di vendita.

In entrambi i casi, l’imposta pagata con il preliminare sarà poi detratta da quella dovuta per la registrazione del contratto definitivo di compravendita.

Quali sono le imposte da pagare quando si acquista da un privato?

Se il venditore è un privato, l’acquirente dovrà pagare

  • imposta di registro proporzionale del 9%
  • imposta ipotecaria fissa di 50 euro
  • imposta catastale fissa di 50 euro.

Tutte queste imposte sono versate dal notaio al momento della registrazione dell’atto.

E se si è in presenza dei requisiti “prima casa”?

Le imposte da pagare sono ridotte quando si è in presenza dei requisiti “prima casa”. Queste agevolazioni si applicano quando:

  • il fabbricato che si acquista appartiene a determinate categorie catastale
  • il fabbricato si trova nel comune in cui l’acquirente ha (o intende stabilire) residenza oppure lavora
  • l’acquirente ha determinati requisiti.

Se il venditore è un privato o un’impresa che vende in esenzione Iva le imposte da pagare sono:

  • imposta di registro proporzionale nella misura del 2%
  • imposta ipotecaria fissa di 50 euro
  • imposta catastale fissa di 50 euro

Per ulteriori informazioni, non esitare a contattare gli specialisti delle case in vendita a Nonantola. Lo Studio Nonantola Immobiliare risponde allo 059 544007 – 320 3675292

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: